Il professionista online trova nella chiusura dell’account uno strumento cui ricorrere qualora non voglia più contrattare con determinati clienti: questa misura nasce come reazione a comportamenti spesso poco corretti del consumatore, in particolare legati all’esercizio del recesso. Il rifiuto di contrarre, però, si colloca in un difficile equilibrio tra le esigenze di protezione del consumatore e i margini di libertà negoziale del professionista. In un contesto dove manca la possibilità di qualificare come “abusivi” i frequenti recessi del consumatore, ma dove manca altresì un obbligo di contrarre del professionista, l’unica via d’uscita sembra essere quella di affidarsi ai canoni di buona fede e di diligenza, che si impongono come regola comportamentale valida per entrambi i contraenti. The trader finds delating the account a useful tool to terminate the contract with certain customers: this measure arises as a reaction to often incorrect consumer behaviors, in particular in relation to withdrawal. The refusal to contract, however, is placed in a difficult balance between the needs of consumer protection and the margins of the trader’s negotiation freedom. In a context where qualifying frequent consumer withdrawals as “abusive” is not possible but at the same time it is not mandatory for the trader to contract, the only way out seems to be to rely on the canons of good faith and diligence, which impose themselves as a behavioral rule valid for both parties.

I frequenti recessi del consumatore e il rifiuto di contrarre del professionista nel commercio elettronico

Emanuela Morotti
2020

Abstract

Il professionista online trova nella chiusura dell’account uno strumento cui ricorrere qualora non voglia più contrattare con determinati clienti: questa misura nasce come reazione a comportamenti spesso poco corretti del consumatore, in particolare legati all’esercizio del recesso. Il rifiuto di contrarre, però, si colloca in un difficile equilibrio tra le esigenze di protezione del consumatore e i margini di libertà negoziale del professionista. In un contesto dove manca la possibilità di qualificare come “abusivi” i frequenti recessi del consumatore, ma dove manca altresì un obbligo di contrarre del professionista, l’unica via d’uscita sembra essere quella di affidarsi ai canoni di buona fede e di diligenza, che si impongono come regola comportamentale valida per entrambi i contraenti. The trader finds delating the account a useful tool to terminate the contract with certain customers: this measure arises as a reaction to often incorrect consumer behaviors, in particular in relation to withdrawal. The refusal to contract, however, is placed in a difficult balance between the needs of consumer protection and the margins of the trader’s negotiation freedom. In a context where qualifying frequent consumer withdrawals as “abusive” is not possible but at the same time it is not mandatory for the trader to contract, the only way out seems to be to rely on the canons of good faith and diligence, which impose themselves as a behavioral rule valid for both parties.
2020
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
9. I frequenti recessi del consumatore e il rifiuto di contrarre del professionista nel commercio elettronico.pdf

non disponibili

Tipologia: Published (publisher's version)
Licenza: Accesso privato - non pubblico
Dimensione 394.23 kB
Formato Adobe PDF
394.23 kB Adobe PDF Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3372588
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact