The main objective of the thesis is to propose a multi-method approach for the evaluation of work stress. Some authors consider it inappropriate to the exclusively use self-report measures in order to detect both the stressors and the psychological and/or physical strain within the same research (Grebner, Semmer, & Elfering, 2005). In particular, there are two issues that are most frequently reported. The first refers to common method bias and common method variance, the second to the role of negative affectivity in the process that leads to the formation of work stress. In order to minimize these issues, it is useful to integrate the self-assessments with the assessment of psycho-physical strain carried out by the physician (hetero-evaluation) and/or with objective indicators of disease such as sick leave. The thesis is divided into three studies. The first shows that the negative affectivity influences the perception of the psycho-social context in which the workers are and, indirectly, the psycho-physical strain. In the second study, the metric properties of an instrument designed to allow the evaluation of the psycho-physical strain by the physician were confirmed. The integrated use of self- and hetero-evaluations also allowed to identify some antecedents of psycho-physical strain. In the third study the integrated use of self-evaluations of stressors, the evaluation of the psycho-physical symptoms performed by the physician and the absences from work made it possible to understand, within the theoretical framework defined by the Effort-Recovery model, the various phases of the process that leads to the formation of work stress. Overall, the second and third studies testify the goodness of the multi method approach, which, supplementing but not replacing the self-assessments of workers, can help to have a complete and informational picture of the situation within the organization

L’obiettivo principale della tesi consiste nel proporre un approccio multi metodo per la valutazione dello stress lavorativo. Alcuni autori considerano infatti inappropriato il ricorso esclusivo a misure self report per rilevare sia gli stressors che lo strain psicologico e/o fisico nell’ambito della stessa ricerca (Grebner, Semmer, & Elfering, 2005). In particolare, due sono le problematiche che vengono segnalate con maggiore frequenza. La prima fa riferimento al common method bias ed alla varianza comune di metodo, il secondo al ruolo ricoperto dalla affettività negativa nel processo che porta alla formazione dello stress lavorativo. Al fine di contenere tali problematiche è opportuno integrare le auto valutazioni con la valutazione dello strain psico-fisico da parte dal medico (etero valutazione) e/o con indicatori oggettivi di disagio come le assenze per malattia. La tesi si articola in tre studi. Il primo ha evidenziato come l'affettività negativa influenzi la percezione del contesto psico-sociale in cui i lavoratori si vengono a trovare e, indirettamente, lo strain psico-fisico. Nel secondo studio sono state confermate le proprietà metriche di uno strumento finalizzato alla valutazione dello strain psico-fisico da parte dal medico. L’utilizzo integrato di auto ed etero valutazioni ha inoltre permesso di identificare alcuni antecedenti dello strain psico-fisico. Nel terzo studio l’utilizzo integrato di auto valutazioni degli stressors, della valutazione dei sintomi psico-fisici eseguita dal medico e delle assenze dal lavoro ha permesso di comprendere, all'interno della prospettiva teorica definita dal modello Effort-Recovery, le varie fasi in cui si articola il processo che porta alla formazione dello stress lavorativo. Complessivamente, il secondo ed il terzo studio testimoniamo la bontà dell’approccio multi metodo, il quale, integrando ma non sostituendo le auto valutazioni dei lavoratori, può aiutare ad avere un quadro completo e informativo della situazione all’interno della realtà organizzativa

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato: verso un approccio multi metodo / Girardi, Damiano. - (2012 Jan 30).

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato: verso un approccio multi metodo

Girardi, Damiano
2012-01-30

Abstract

The main objective of the thesis is to propose a multi-method approach for the evaluation of work stress. Some authors consider it inappropriate to the exclusively use self-report measures in order to detect both the stressors and the psychological and/or physical strain within the same research (Grebner, Semmer, & Elfering, 2005). In particular, there are two issues that are most frequently reported. The first refers to common method bias and common method variance, the second to the role of negative affectivity in the process that leads to the formation of work stress. In order to minimize these issues, it is useful to integrate the self-assessments with the assessment of psycho-physical strain carried out by the physician (hetero-evaluation) and/or with objective indicators of disease such as sick leave. The thesis is divided into three studies. The first shows that the negative affectivity influences the perception of the psycho-social context in which the workers are and, indirectly, the psycho-physical strain. In the second study, the metric properties of an instrument designed to allow the evaluation of the psycho-physical strain by the physician were confirmed. The integrated use of self- and hetero-evaluations also allowed to identify some antecedents of psycho-physical strain. In the third study the integrated use of self-evaluations of stressors, the evaluation of the psycho-physical symptoms performed by the physician and the absences from work made it possible to understand, within the theoretical framework defined by the Effort-Recovery model, the various phases of the process that leads to the formation of work stress. Overall, the second and third studies testify the goodness of the multi method approach, which, supplementing but not replacing the self-assessments of workers, can help to have a complete and informational picture of the situation within the organization
L’obiettivo principale della tesi consiste nel proporre un approccio multi metodo per la valutazione dello stress lavorativo. Alcuni autori considerano infatti inappropriato il ricorso esclusivo a misure self report per rilevare sia gli stressors che lo strain psicologico e/o fisico nell’ambito della stessa ricerca (Grebner, Semmer, & Elfering, 2005). In particolare, due sono le problematiche che vengono segnalate con maggiore frequenza. La prima fa riferimento al common method bias ed alla varianza comune di metodo, il secondo al ruolo ricoperto dalla affettività negativa nel processo che porta alla formazione dello stress lavorativo. Al fine di contenere tali problematiche è opportuno integrare le auto valutazioni con la valutazione dello strain psico-fisico da parte dal medico (etero valutazione) e/o con indicatori oggettivi di disagio come le assenze per malattia. La tesi si articola in tre studi. Il primo ha evidenziato come l'affettività negativa influenzi la percezione del contesto psico-sociale in cui i lavoratori si vengono a trovare e, indirettamente, lo strain psico-fisico. Nel secondo studio sono state confermate le proprietà metriche di uno strumento finalizzato alla valutazione dello strain psico-fisico da parte dal medico. L’utilizzo integrato di auto ed etero valutazioni ha inoltre permesso di identificare alcuni antecedenti dello strain psico-fisico. Nel terzo studio l’utilizzo integrato di auto valutazioni degli stressors, della valutazione dei sintomi psico-fisici eseguita dal medico e delle assenze dal lavoro ha permesso di comprendere, all'interno della prospettiva teorica definita dal modello Effort-Recovery, le varie fasi in cui si articola il processo che porta alla formazione dello stress lavorativo. Complessivamente, il secondo ed il terzo studio testimoniamo la bontà dell’approccio multi metodo, il quale, integrando ma non sostituendo le auto valutazioni dei lavoratori, può aiutare ad avere un quadro completo e informativo della situazione all’interno della realtà organizzativa
work stress, psycho-physical strain, multi method, physician, sickness absences
La valutazione del rischio stress lavoro-correlato: verso un approccio multi metodo / Girardi, Damiano. - (2012 Jan 30).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
girardi.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 1.06 MB
Formato Adobe PDF
1.06 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3422101
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact