Questo lavoro propone principalmente una rilettura interpretativa dei risultati del dibattito relativo alla legittimità delle clausole di ribaltamento delle perdite. Tanto per le società di capitali quanto per le società consortili, la soluzione interpretativa comunemente diffusa sembra essere la medesima, ossia la validità delle clausole di ribaltamento delle perdite nei limiti della predeterminabilità del contenuto dell’obbligo contributivo. Si tratta, però, di un esito interpretativo non persuasivo, se si tiene conto della portata (funzionale) del secondo comma dell’art. 2615-ter c.c., che caratterizza la disciplina delle società consortili, prevedendo (eccezionalmente) la possibilità per lo statuto di introdurre a carico dei soci obblighi contributivi in denaro ulteriori ai conferimenti. Alla luce del discrimine interpretativo tracciato da quest’ultima norma, che infatti ha una portata eccezionale rispetto alla disciplina delle società lucrative a responsabilità limitata, e valorizzando il principio di limitazione del rischio di impresa in termini più ampi rispetto alla limitazione (solo) esterna della responsabilità, il lavoro giunge a conclusioni peculiari per ciascun tipo di società con autonomia patrimoniale perfetta. L’indagine è, inoltre, oggetto di una duplice estensione. Da un lato, la medesima impostazione della ricerca sembra valere anche nel caso in cui la previsione di ribaltamento delle perdite (e, sotto altra prospettiva sostanzialmente speculare, gli obblighi di versamento dei soci) siano oggetto di determinazioni parasociali o di deliberazioni assembleari. D’altro lato, una volta risolto il dubbio sulla legittimità di siffatte previsioni in ambito lucrativo capitalistico, è necessario valutare se le stesse conclusioni subiscano deviazioni nei tipi societari non lucrativi a responsabilità limitata quali le cooperative e, ancora, le società consortili.

Risultati negativi dell'attività e ribaltamento delle perdite nelle società di capitali e consortili: limitazione del rischio di impresa e limiti di legittimità di clausole statutarie, patti parasociali e deliberazioni dei soci

Vincenzo Antonini
2023

Abstract

Questo lavoro propone principalmente una rilettura interpretativa dei risultati del dibattito relativo alla legittimità delle clausole di ribaltamento delle perdite. Tanto per le società di capitali quanto per le società consortili, la soluzione interpretativa comunemente diffusa sembra essere la medesima, ossia la validità delle clausole di ribaltamento delle perdite nei limiti della predeterminabilità del contenuto dell’obbligo contributivo. Si tratta, però, di un esito interpretativo non persuasivo, se si tiene conto della portata (funzionale) del secondo comma dell’art. 2615-ter c.c., che caratterizza la disciplina delle società consortili, prevedendo (eccezionalmente) la possibilità per lo statuto di introdurre a carico dei soci obblighi contributivi in denaro ulteriori ai conferimenti. Alla luce del discrimine interpretativo tracciato da quest’ultima norma, che infatti ha una portata eccezionale rispetto alla disciplina delle società lucrative a responsabilità limitata, e valorizzando il principio di limitazione del rischio di impresa in termini più ampi rispetto alla limitazione (solo) esterna della responsabilità, il lavoro giunge a conclusioni peculiari per ciascun tipo di società con autonomia patrimoniale perfetta. L’indagine è, inoltre, oggetto di una duplice estensione. Da un lato, la medesima impostazione della ricerca sembra valere anche nel caso in cui la previsione di ribaltamento delle perdite (e, sotto altra prospettiva sostanzialmente speculare, gli obblighi di versamento dei soci) siano oggetto di determinazioni parasociali o di deliberazioni assembleari. D’altro lato, una volta risolto il dubbio sulla legittimità di siffatte previsioni in ambito lucrativo capitalistico, è necessario valutare se le stesse conclusioni subiscano deviazioni nei tipi societari non lucrativi a responsabilità limitata quali le cooperative e, ancora, le società consortili.
2023
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3514701
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact