Sulla negazione nel "Tristano e Isotta" di Thomas tra grammatica e retorica