Attraverso l'inventario giudiziale del 1838, conservato nell'Archivio di Stato di Vicenza, è stato possibile ricostruire più dettagliatamente la preziosa collezione d'arte dell'avvocato Angelo Vecchia (1689-1762) che, nelle sale del suo palazzo vicentino, custodiva opere di G.B. Tiepolo, L. Giordano, G.B. Langetti e P. Liberi. L'inventario rivela anche un nutrito gruppo di sculture e una ricca biblioteca. La passione di Angelo Vecchia per i libri era condivisa anche dal nipote Antonio, antiquario e disegnatore. All'attività di Antonio Vecchia è riservata l'ultima parte del contributo, nel quale sono resi noti alcuni inediti documenti d'archivio.

Collezionismo a Vicenza: la raccolta Vecchia

Chiara Bombardini
2014

Abstract

Attraverso l'inventario giudiziale del 1838, conservato nell'Archivio di Stato di Vicenza, è stato possibile ricostruire più dettagliatamente la preziosa collezione d'arte dell'avvocato Angelo Vecchia (1689-1762) che, nelle sale del suo palazzo vicentino, custodiva opere di G.B. Tiepolo, L. Giordano, G.B. Langetti e P. Liberi. L'inventario rivela anche un nutrito gruppo di sculture e una ricca biblioteca. La passione di Angelo Vecchia per i libri era condivisa anche dal nipote Antonio, antiquario e disegnatore. All'attività di Antonio Vecchia è riservata l'ultima parte del contributo, nel quale sono resi noti alcuni inediti documenti d'archivio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3260373
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact