La mancanza di informazione al consumatore sullo stato fisico del prodotto ittico deve essere intesa come carenza delle procedure di autocontrollo oltre che una frode commerciale (Ministero della Salute 10026/P-02/08/2007). La presente sperimentazione ha verificato l’applicabilità della tecnica NIRs nella discriminazione tra prodotto ittico fresco e decongelato mediante l’utilizzo di un monocromatore NIRs e di una sonda VIS/NIR a confronto. Sono stati analizzati tranci provenienti da 30 esemplari di pesce spada (Xiphias gladius) catturati nello stretto di Messina. I dati utili alla tracciabilità degli esemplari sono stati registrati; ciascun trancio è stato suddiviso in due aliquote, la prima è stata analizzata fresca (F), la seconda dopo un mese di congelamento (D) a -18 o a -8 °C. La lettura dei campioni di muscolo bianco, sia intero che macinato, è stata effettuata in riflettanza in doppio utilizzando uno strumento monocromatore 5000 (FOSS NIRSystem) in small ring cup. L’acquisizione degli spettri VIS/NIR è stata ottenuta tramite sonda in riflessione R600-7-VIS/NIR (Ocean Optics) impiegando le medesime cuvette preparate con muscolo intero; l’angolo di incidenza è stato mantenuto costante (45°). La calibrazione utilizzata è stata del tipo MPLS con validazione incrociata. L’analisi discriminante ha rilevato differenze spettrali tra le due popolazioni di campioni allo studio (F vs D). Attraverso l’analisi degli spettri medi ottenuti mediante monocromatore è stato possibile classificare correttamente 85 campioni F e 51 D (prodotto intero). La macinazione migliora le performance di attribuzione al di sopra del 90% per le classi studiate. Mediante sonda VIS/NIR sono stati acquisiti 89 spettri F e 126 D. L’analisi ha attribuito correttamente 86 spettri F (96,6%) e 125 D (99,2%). L’utilizzo dei dati spettrali medi ha migliorato le performance predittive riducendo il livello di incertezza. La sonda VIS/NIR grazie alla minima preparazione del campione potrebbe essere impiegata per rapidi screening di lotti commercializzati.

Impiego di una sonda Vis/NIR in riflessione e di uno strumento monocromatore per la discriminazione tra prodotto ittico fresco e decongelato.

FASOLATO, LUCA;MIRISOLA, MASSIMO;BALZAN, STEFANIA;SEGATO, SEVERINO;NOVELLI, ENRICO;BERZAGHI, PAOLO
2008

Abstract

La mancanza di informazione al consumatore sullo stato fisico del prodotto ittico deve essere intesa come carenza delle procedure di autocontrollo oltre che una frode commerciale (Ministero della Salute 10026/P-02/08/2007). La presente sperimentazione ha verificato l’applicabilità della tecnica NIRs nella discriminazione tra prodotto ittico fresco e decongelato mediante l’utilizzo di un monocromatore NIRs e di una sonda VIS/NIR a confronto. Sono stati analizzati tranci provenienti da 30 esemplari di pesce spada (Xiphias gladius) catturati nello stretto di Messina. I dati utili alla tracciabilità degli esemplari sono stati registrati; ciascun trancio è stato suddiviso in due aliquote, la prima è stata analizzata fresca (F), la seconda dopo un mese di congelamento (D) a -18 o a -8 °C. La lettura dei campioni di muscolo bianco, sia intero che macinato, è stata effettuata in riflettanza in doppio utilizzando uno strumento monocromatore 5000 (FOSS NIRSystem) in small ring cup. L’acquisizione degli spettri VIS/NIR è stata ottenuta tramite sonda in riflessione R600-7-VIS/NIR (Ocean Optics) impiegando le medesime cuvette preparate con muscolo intero; l’angolo di incidenza è stato mantenuto costante (45°). La calibrazione utilizzata è stata del tipo MPLS con validazione incrociata. L’analisi discriminante ha rilevato differenze spettrali tra le due popolazioni di campioni allo studio (F vs D). Attraverso l’analisi degli spettri medi ottenuti mediante monocromatore è stato possibile classificare correttamente 85 campioni F e 51 D (prodotto intero). La macinazione migliora le performance di attribuzione al di sopra del 90% per le classi studiate. Mediante sonda VIS/NIR sono stati acquisiti 89 spettri F e 126 D. L’analisi ha attribuito correttamente 86 spettri F (96,6%) e 125 D (99,2%). L’utilizzo dei dati spettrali medi ha migliorato le performance predittive riducendo il livello di incertezza. La sonda VIS/NIR grazie alla minima preparazione del campione potrebbe essere impiegata per rapidi screening di lotti commercializzati.
Atti 3° SIMPOSIO ITALIANO DI SPETTROSCOPIA NIR
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/2449997
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact